UniversitÓ degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Infradol

Ultimo aggiornamento: 14/01/2020




A cosa serve

Infradol Ŕ un integratore appartenente alla categoria degli integratori per il benessere delle cartilagini, delle articolazioni e delle ossa.
E' commercializzato in Italia dall'azienda Polaris Farmaceutici Srl.

Informazioni commerciali

Titolare: Polaris Farmaceutici Srl
Concessionario: Polaris Farmaceutici Srl
Categoria di appartenenza: integratori per il benessere delle cartilagini, delle articolazioni e delle ossa

Confezioni

Infradol 20 stick da 3,3 g

Indicazioni

Infradol è un integratore alimentare a base di estratti vegetali, indicato in caso di scarso apporto con la dieta o aumentato fabbisogno di tali nutrienti. Curcuma, Boswellia, Ulmaria, Artiglio del diavolo, Frassino e Ribes nero sono in grado di supportare la funzione articolare. La Boswellia inoltre è utile nel contrasto di stati di tensione localizzati. Reishi e Shiitake supportano le naturali difese dell'organismo. Curcuma e Vite rossa svolgono un'azione antiossidante.

ModalitÓ d'uso

Si consiglia l'assunzione di 1 o 2 stick al giorno, preferibilmente a stomaco pieno. Versare il contenuto di uno stick in un bicchiere d'acqua, mescolare molto bene e consumare subito dopo la preparazione.

Descrizione e caratteristiche

L'infiammazione è un meccanismo di difesa che il nostro corpo mette in atto nei confronti – tipicamente – di traumi, ferite o agenti patogeni esterni. Ma non solo: può riscontrarsi anche a causa di reazioni allergiche o malattie autoimmuni. Potrebbe quindi non essere semplice riconoscere un'infiammazione, dal momento che i suoi sintomi e i segni con cui si presenta variano parecchio a seconda del punto del corpo in cui si manifesta. A rendere riconoscibile un'infiammazione è tuttavia il nome, o meglio il famigerato suffisso “-ite“ con cui terminano tutte le malattie o disturbi caratterizzati da infiammazione: congiuntivite, colite, gastrite, artrite, otite, cistite, eccetera. Ne esistono centinaia, quelli elencati sono soltanto alcuni esempi di reazioni infiammatorie che possono avvenire nel nostro organismo. Un altro elemento che unifica tutti i tipi di infiammazione, nonostante la varietà di sintomi e localizzazioni, è il meccanismo di base del processo infiammatorio. In pratica è sostanzialmente sempre lo stesso: a livello biochimico, si assiste all'attivazione di enzimi specifici (ciclossigenasi) e al conseguente rilascio di prostaglandine, sostanze in grado di promuovere l'infiammazione, che vanno a modificare la permeabilità dei vasi sanguigni e la loro dilatazione, per permettere alle cellule del sistema immunitario di raggiungere la zona colpita e “riparare“ i danni. Si tratta, come si diceva, di un meccanismo di difesa, che serve non solo ad avvisarci del fatto che in qualche punto del corpo qualcosa non va, ma anche a predisporre il corpo stesso a combattere contro la causa che ha provocato l'infiammazione stessa. Per questo motivo, si tratta di un segnale da non sottovalutare e da curare, almeno in parte. Per tenere sotto controllo il dolore, innanzitutto, ma soprattutto per evitare possibili danni secondari ai tessuti interessati. Da non sottovalutare, inoltre, il fatto che un'infiammazione può passare da acuta a cronica, in termini medici si dice che l'infiammazione è “cronicizzata“. Questo avviene in genere quando non è possibile o non si è riusciti a eliminare del tutto la causa scatenante, oppure quando è determinata da fattori interni, come nel caso delle reazioni autoimmuni. Le infiammazioni si possono quindi distinguere secondo un criterio temporale: possono essere circoscritte nel tempo (acute) oppure prolungate (croniche). In quest'ultimo caso, subentra una seconda tipologia di classificazione, di tipo spaziale. Le infiammazioni croniche possono essere diffuse oppure circoscritte in un'area particolare. Boswellia: la resina di queste piante, originarie della penisola Arabica, è utile nel contrastare gli stati di tensione localizzati. Curcuma: il rizoma di questa pianta perenne, è in grado di supportare la funzione articolare. Reishi e Shiitake: questi funghi di origine asiatica sono in grado di supportare le naturali difese dell'organismo. Ulmaria: anche questa pianta è in grado di supportare la funzione articolare. Artiglio del diavolo: le radici di questa pianta, proveniente dalle savane e dai deserti dell'Africa, è in grado di supportare la funzione articolare. Vite rossa: i semi sono in grado di svolgere un'azione antiossidante. Pepe nero: è in grado di rendere maggiormente biodisponibile la Curcuma. 100% principi attivi naturali.

Avvertenze

Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata ed equilibrata e di uno stile di vita sano. Tenere lontano dalla portata dei bambini di età inferiore ai 3 anni. Non superare le dosi consigliate. Il prodotto contiene polioli, il cui consumo eccessivo può avere effetti lassativi. Conservare a temperatura ambiente in luogo fresco e asciutto. Evitare l'esposizione a fonti di calore localizzato, ai raggi solari e il contatto con l'acqua. La data di scadenza si riferisce al prodotto correttamente conservato, in confezione integra. Non disperdere nell'ambiente dopo l'uso. Validità: 36 mesi in confezione integra e correttamente conservata.