UniversitÓ degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Artrolife

Ultimo aggiornamento: 15/01/2019




A cosa serve

Artrolife Ŕ un integratore appartenente alla categoria degli integratori per il benessere della cartilagini, delle articolazioni e delle ossa.
E' commercializzato in Italia dall'azienda Piemme Pharmatech Italia S.r.l..

Informazioni commerciali

Titolare: Piemme Pharmatech Italia S.r.l.
Concessionario: Piemme Pharmatech Italia S.r.l.
Categoria di appartenenza: integratori per il benessere della cartilagini, delle articolazioni e delle ossa

Confezioni

Artrolife 60 compresse 0,8 g peso netto totale 48 g

Indicazioni

Artrolife è indicato nella prevenzione dei fenomeni flogistici osteo-articolari e tendinei. Utile nel ripristino delle normali condizioni fisiologiche delle articolazioni e dei tendini compromesse da particolari condizioni di stress e sollecitazioni meccaniche, trova largo impiego negli sportivi per prevenire i traumatismi dovuti a una intensa attività agonistica.

ModalitÓ d'uso

Assumere 3 compresse di Artrolife al giorno dopo i pasti.
Modalità di conservazione: conservare in luogo asciutto, al riparo dalla luce.

Descrizione e caratteristiche

La cartilagine di squalo è costituita essenzialmente da collagene e da proteoglicani legati a glucosaminoglicani (condroitin solfato A, B e C); inoltre contiene acqua, calcio, fosfato, magnesio e ferro. È un potente antinfiammatorio naturale grazie alla presenza dei condroitinsolfati e possiede una spiccata azione antiangiogenica, importante per inibire la vascolarizzazione della cartilagine spesso associata a casi avanzati di artrite reumatoide. È indicata come coadiuvante in tutti i disturbi a carico dell'apparato osteoarticolare poichè in grado di ridurre il dolore, di stimolare i processi rigenerativi cellulari favorendo i processi di cicatrizzazione tissutale e di donare elasticità ai tessuti. Il metilsulfonilmetano (MSM) è un composto organico contenente zolfo in forma altamente biodisponibile ed è la forma ossidata del dimetilsolfossido (DMSO). Analogamente al suo precursore, il MSM possiede proprietà antinfiammatorie, antidolorifiche e antiossidanti; inibisce la trasmissione dell'impulso dolorifico lungo le vie nervose, riduce l'infiammazione che esercita pressione sui nervi determinando dolore e dilata i vasi sanguigni accelerando i processi di guarigione. Possiede inoltre un'importante funzione condroprotettiva in quanto, favorendo la sintesi di cartilagine articolare, aumenta la mobilità dell'articolazione artrosica e previene ulteriori danni a suo carico. Rappresenta quindi un valido aiuto nella terapia del dolore, in particolare quello connesso a disturbi osteoarticolari; determina sensibili miglioramenti in soggetti affetti da osteoartriti, tendiniti e sindrome da tunnel carpale e viene utilizzato nella pratica sportiva in alternativa ai tradizionali analgesici. L'Harpagophytum procumbens, comunemente chiamato Artiglio del diavolo, è una pianta originaria delle savane africane che viene raccolta allo stato spontaneo e che contiene glicosidi monoterpenici iridoidi (arpagoside, procumbide, arpagide), zuccheri (raffinosio, stachiosio, saccarosio, glucosio), aminoacidi, fitosteroli, triterpeni, flavonoidi, alcani, grassi, cere, acido cinnamico, clorogenico e ursolico. L'attività antinfiammatoria, antiartrosica e antidolorifica della pianta risiede nelle funzioni delle sue componenti: il ß-sitosterolo inibisce la prostaglandino sintetasi, enzima coinvolto nei processi infiammatori; gli iridoidi inibiscono la sintesi di prostaglandine (se usati in concentrazione non inferiore al 2%) e l'arpagoside possiede proprietà analgesiche. Il meccanismo d'azione dell'Artiglio del diavolo si ipotizza essere diverso da quello dei comuni farmaci antinfiammatori poichè non modifica la concentrazione plasmatica di prostaglandine ed eicosanoidi; inoltre non dà gli effetti collaterali gastrointestinali tipici dei FANS.

Avvertenze

Tenere fuori dalla portata dei bambini di età inferiore ai tre anni.
Il prodotto è controindicato nei casi di ulcera gastrica e duodenale, nei soggetti affetti da ipercalcemia, in gravidanza, al di sotto dei 12 anni e nei soggetti con insufficienza renale o epatica.
Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata, equilibrata e uno stile di vita sano.