transparent
UniversitÓ degli Studi di MilanoFederazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Ranitidina Aurobindo Italia

Aurobindo Pharma (Italia) S.r.l.
Ultimo aggiornamento: 06/09/2021




Cos'Ŕ Ranitidina Aurobindo Italia?

Ranitidina Aurobindo Italia Ŕ un farmaco a base del principio attivo Ranitidina Cloridrato, appartenente alla categoria degli Antiulcera e nello specifico Antagonisti dei recettori H2. E' commercializzato in Italia dall'azienda Aurobindo Pharma (Italia) S.r.l..

Ranitidina Aurobindo Italia pu˛ essere prescritto con Ricetta RR - medicinali soggetti a prescrizione medica.

Confezioni


Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Aurobindo Pharma (Italia) S.r.l.
Ricetta: RR - medicinali soggetti a prescrizione medica
Classe: A
Principio attivo: Ranitidina Cloridrato
Gruppo terapeutico: Antiulcera
Forma farmaceutica: compressa rivestita

Indicazioni

Ranitidina compresse è indicata per:
Adulti
  • Per il trattamento delle patologie del tratto gastrointestinale superiore laddove è necessario ridurre la secrezione acida gastrica:
    • Ulcera duodenale
    • Ulcera gastrica benigna
    • Esofagite da reflusso
    • Sindrome di Zollinger-Ellison
    • Ulcera duodenale e ulcera gastrica causata da una terapia con inibitori della sintesi delle prostaglandine (FANS, come l'aspirina)
  • Prevenzione di ulcere recidivanti
Bambini (dai 3 ai 18 anni)
  • Trattamento a breve termine dell'ulcera peptica
  • Trattamento del reflusso gastroesofageo, inclusi l'esofagite da reflusso e il sollievo dei sintomi della malattia da reflusso gastroesofageo.

Posologia

Posologia
Adulti
Per il trattamento delle ulcere duodenali e delle ulcere gastriche benigne, la dose giornaliera è di 300 mg/die, somministrata come 1 compressa da 300 mg la sera prima di coricarsi, o di una compressa da 150 mg al mattino e una compressa da 150 mg la sera prima di coricarsi. La durata del trattamento è di 4 settimane e può essere prolungata a 8 settimane.
Nella terapia di mantenimento dei pazienti con ulcere recidivanti, la dose giornaliera è di 150 mg/die, assunta la sera prima di coricarsi. Durata del trattamento: secondo le istruzioni del medico. Per i fumatori può essere considerata una dose più elevata (300 mg).
Per il trattamento dell'esofagite da reflusso, la dose giornaliera è di 300 mg/die, assunta come 1 compressa da 300 mg la sera prima di coricarsi, o una compressa da 150 mg al mattino e una compressa da 150 mg la sera prima di coricarsi. La durata del trattamento è di almeno 8 settimane. In caso di risposta inadegauta al trattamento, la dose giornaliera può essere aumentata a 600 mg al giorno per 8 settimane.
Nella terapia di mantenimento dei pazienti con esofagite da reflusso, la dose giornaliera è di 300 mg/die, assunta come una compressa da 150 mg al mattino e una compressa da 150 mg la sera prima di coricarsi. Durata del trattamento: secondo le istruzioni del medico.
Nei pazienti con secrezione acida gastrica molto elevata come nella Sindome di Zolliger-Ellison, la dose iniziale è: 3 volte 150 mg/die. Se necessario la dose può essere aumentata a 600-900 mg/die. Durata del trattamento: secondo le istruzioni del medico. In alcuni pazienti, la misurazione della secrezione acida gastrica può indicare che è necessaria una dose più elevata. Sono state utilizzate dosi giornaliere fino a 900 mg.
Per il trattamento delle ulcere gastriche e duodenali in seguito a terapia con inibitori della sintesi delle prostaglandine (FANS), la dose è 150 mg due volte al giorno fino a 12 settimane.
Popolazione pediatrica
Bambini dai 12 anni e in su
Per i bambini dai 12 anni in su viene somministrata la stessa dose degli adulti.
Bambini da 3 a 11 anni e peso superiore a 30 kg
Vedere paragrafo 5.2 Proprietà farmacocinetiche (Altre popolazioni speciali).
Questa formulazione non è adatta ai bambini tra 3 e 11 anni di età poichè la compressa non può essere divisa per aggiustare la dose in base al peso, né può essere frantumata per facilitare la deglutizione. Per i bambini tra 3 e 11 anni di età possono essere disponibili altre formulazioni più adatte.
Trattamento acuto dell'ulcera peptica
La dose orale raccomandata per il trattamento dell'ulcera peptica nei bambini è compresa tra 4 mg/kg/die e 8 mg/kg/die somministrati in due dosi suddivise fino ad un massimo di 300 mg di ranitidina al giorno per la durata di 4 settimane. Per i pazienti con guarigione incompleta sono indicate altre 4 settimane di terapia, in quanto generalmente la guarigione avviene dopo 8 settimane di trattamento.
Reflusso gastroesofageo
La dose orale raccomandata per il trattamento del reflusso gastroesofageo nei bambini è compresa tra 5 mg/kg/die e 10 mg/kg/die somministrati in due dosi suddivise fino ad un massimo di 600 mg (la dose massima è probabilmente da applicarsi a bambini ed adolescenti con peso maggiore e con sintomi gravi).
Neonati
La sicurezza e l'efficacia nei neonati non sono state stabilite.
Dosaggio nel danno renale
Ranitidina è escreta per via renale. Nei pazienti con grave danno renale (clearance della ranitidina inferiore a 50 ml/min) i livelli plasmatici sono aumentati e sono di maggiore durata. In questi pazienti si raccomanda che la dose giornaliera sia ridotta a 150 mg somministrata la sera prima di coricarsi.
Modo di somministrazione
Non è necessario assumere Ranitidina Aurobindo Italia con del cibo.
Le compresse non devono essere frantumate o masticate. Le compresse devono essere deglutite intere.

Controindicazioni

Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1.


Avvertenze speciali e precauzioni di impiego

Prima di iniziare la terapia con ranitidina in pazienti con ulcera gastrica o in pazienti di mezza età o più anziani che presentano sintomi dispeptici di recente insorgenza o da ...

Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Interazioni con altri medicinali e altre forme di interazione

La ranitidina può influenzare l'assorbimento, il metabolismo o l'escrezione renale di altri farmaci. L'alterazione dei parametri farmacocinetici può rendere necessario un aggiustamento del dosaggio del farmaco interessato o l'interruzione del ...

Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Assumere Ranitidina Aurobindo Italia durante la gravidanza e l'allattamento

Posso prendere Ranitidina Aurobindo Italia durante la gravidanza e l'allattamento?
Gravidanza
La ranitidina attraversa la barriera placentare. Come altri farmaci deve essere somministrata durante la gravidanza solo se considerata di assoluta necessità.
Allattamento
La ranitidina è escreta nel latte materno. ...

Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Effetti sulla capacitÓádi guidare veicoli e sull'uso di macchinari

Non sono stati segnalati.


Effetti indesiderati

Per la classificazione della frequenza degli effetti indesiderati è stata utilizzata la seguente convenzione: molto comune (≥1/10), comune (≥1/100, <1/10), non comune (≥1/1.000, <1/100), raro (≥1/10.000, <1/1.000), molto raro (≤1/10.000), ...

Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Sovradosaggio

Sintomi e Segni:
La ranitidina possiede un'attività farmacologica molto specifica per cui non sono attesi problemi particolari a seguito di sovradosaggio con le formulazioni di ranitidina.
Trattamento:
A seconda dei casi, deve essere praticata una terapia sintomatica e di supporto.


ProprietÓ farmacodinamiche

Categoria farmacoterapeutica: Antagonisti dei recettori H2 e farmaci per malattie correlate all'acidosi
Codice ATC: A02BA02
Meccanismo d'azione
Ranitidina è un antagonista specifico e rapido dei recettori H2 dell'istamina. Inibisce la ...


ProprietÓ farmacocinetiche

Assorbimento
A seguito di somministrazione orale di 150 mg di ranitidina, la massima concentrazione plasmatica (da 300 a 550 ng/ml) viene raggiunta entro 1-3 ore. La fase di assorbimento si ...


Dati preclinici di sicurezza

I dati preclinici non rivelano rischi particolari per l'uomo sulla base di studi convenzionali di safety pharmacology, tossicità a dosi ripetute, genotossicità, potenziale cancerogeno, tossicità della riproduzione e dello sviluppo.
...


Elenco degli eccipienti

Nucleo della compressa:
Cellulosa microcristallina
Croscarmellosa sodica
Magnesio stearato
Rivestimento della compressa:
Ipromellosa (5cp)
Titanio diossido (E171)
Triacetina


Farmaci Esteri

Per conoscere i farmaci esteri che corrispondono ad Ranitidina Aurobindo Italia a base di Ranitidina Cloridrato ...
Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Fonti Ufficiali



Servizi Avanzati

Digita il Marchio o il Principio
Attivo di 2 o pi¨ prodotti e trova
le interazioni.
Marchio / Principio Attivo 1

Marchio / Principio Attivo 2




Cerca