UniversitÓ degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
menu

Isoprenalina Cloridrato Salf

Ultimo aggiornamento: 15/02/2019

Foglietto Illustrativo

Confezioni

Isoprenalina Cloridrato Salf ev 5 fiale 0,2 mg 1 ml

Cos'Ŕ Isoprenalina Cloridrato Salf?

Isoprenalina Cloridrato Salf Ŕ un farmaco a base del principio attivo Isoprenalina Cloridrato, appartenente alla categoria degli Inotropi, Simpaticomimetici e nello specifico Adrenergici e dopaminergici. E' commercializzato in Italia dall'azienda Salf S.p.A. Laboratorio Farmacologico.

Isoprenalina Cloridrato Salf pu˛ essere prescritto con Ricetta RR - medicinali soggetti a prescrizione medica.

Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Salf S.p.A. Laboratorio Farmacologico
Concessionario: Salf S.p.A. Laboratorio Farmacologico
Ricetta: RR - medicinali soggetti a prescrizione medica
Classe: C
Principio attivo: Isoprenalina Cloridrato
Gruppo terapeutico: Inotropi, Simpaticomimetici
Forma farmaceutica: soluzione (uso interno)

Indicazioni

Trattamento del blocco atrio-ventricolare totale (inclusa la sindrome di Stokes-Adams) e dell'arresto cardiaco.
Trattamento del broncospasmo durante l'anestesia.
In aggiunta al trattamento per lo shock cardiogeno.

Posologia

Trattamento del blocco atrio-ventricolare totale (inclusa la sindrome di Stokes-Adams) e dell'arresto cardiaco.
Somministrazione intramuscolare: 0,2 mg seguiti da 0,02-1,0 mg in base alla risposta del paziente.
Somministrazione endovenosa: 2-10 microgrammi/min, da aggiustare in base alla risposta del paziente.
Somministrazione sottocutanea: 0,2 mg seguiti da 0,15-0,2 mg in base alla risposta del paziente.
Trattamento del broncospasmo durante l'anestesia.
Somministrazione endovenosa: dose iniziale 0,01-0,02 mg, da ripetere se necessario.
In aggiunta al trattamento per lo shock cardiogeno.
Somministrazione endovenosa: 0,5-5 microgrammi/minuto in base alla risposta del paziente. Dosaggi più elevati (fino a 20 microgrammi/minuto) possono essere talvolta impiegati in gravi stati di shock in funzione alle condizioni cliniche ed alla risposta del paziente.
L'uso di isoprenalina non è raccomandato nei bambini a causa della mancanza di dati sulla sicurezza e efficacia.
Istruzioni per l'uso
Per iniezione endovenosa
Diluire 1 ml di Isoprenalina cloridrato 0,2 mg/ml soluzione iniettabile con 10 ml di sodio cloruro 0,9% o glucosio 5% per ottenere una soluzione di concentrazione 0,02 mg/ml.
Per infusione endovenosa
Diluire 10 ml di soluzione Isoprenalina cloridrato 0,2 mg/ml soluzione iniettabile con 500 ml di sodio cloruro 0,9% o glucosio 5% per ottenere una soluzione di concentrazione 0,004 mg/ml.
Usare un microdrip o una pompa a infusione continua per prevenire l'afflusso improvviso di una eccessiva quantità di farmaco.

Controindicazioni

Ipersensibilità al(ai) principio(i) attivo(i) o ad uno qualsiasi degli eccipienti
L'isoprenalina è controindicata nelle seguenti condizioni:
  • angina pectoris
  • blocco cardiaco o tachicardia indotta da digitalici
  • tachiaritmie
Bambini di età inferiore a 12 anni.
Generalmente controindicato in gravidanza e allattamento (vedere par. 4.6).


Avvertenze speciali e precauzioni di impiego

Usare estrema cautela nel somministrare il farmaco nelle seguenti situazioni:
disturbi convulsivi
insufficienza coronarica
diabete mellito
iperresponsività alle amine simpaticomimetiche
ipertensione
ipertiroidismo
Per chi svolge attività sportiva: l'uso del ...

Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Interazioni con altri medicinali e altre forme di interazione

L'isoprenalina non deve essere somministrata contemporaneamente a:
glicosidi cardioattivi e anestetici generali (alotano, ciclopropano): l'uso concomitante può causare aritmie - alcaloidi dell'ergot: l'uso concomitante può determinare un ulteriore vasocostrizone ...

Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Interazioni riportate su letteratura scientifica internazionale
Prima di prendere "Isoprenalina Cloridrato Salf" insieme ad altri farmaci come , etc.., chiedi al tuo al tuo medico o farmacista di fiducia di verificare che sia sicuro e non dannoso per la tua salute ...

Assumere Isoprenalina Cloridrato Salf durante la gravidanza e l'allattamento

Posso prendere Isoprenalina Cloridrato Salf durante la gravidanza e l'allattamento?
Gravidanza
Gli studi su animali sono insufficienti per evidenziare gli effetti sulla gravidanza e sullo sviluppo fetale (vedere paragrafo 5.3). Il rischio potenziale per gli esseri umani non è noto.
...

Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Effetti sulla capacitÓádi guidare veicoli e sull'uso di macchinari

Non pertinente.


Effetti indesiderati

Di seguito sono riportati gli effetti indesiderati dell'isoprenalina organizzati secondo la classificazione sistemica organica MedDRA. Non sono disponibili dati sufficienti per stabilire la frequenza dei singoli effetti elencati.
Patologie cardiache
...

Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Sovradosaggio

Un sovradosaggio di isoprenalina può causare tremori, palpitazioni, angina, aritmie, tachicardia, aumento o diminuzione della pressione sanguigna, convulsioni, nervosismo, mal di testa, xerostomia, nausea, capogiri, fatica, malessere e insonnia.


ProprietÓ farmacodinamiche

Categoria farmacoterapeutica: Agenti adrenergici e dopaminergici, codice ATC: C01CA02
L'isprenalina causa broncodilatazione per rilassamento della muscolatura bronchiale tramite la stimolazione dei recettori beta-2; aumenta la frequenza cardiaca e la contrattilità ...


ProprietÓ farmacocinetiche

Assorbimento
È rapidamente assorbita per iniezione intramuscolare o sottocutanea.
Metabolismo
Dal 25% al 35% dell'isoprenalina somministrata viene metabolizzata nel fegato e negli altri tessuti dalle COMT a
3-O-metil-isoprenalina, metabolita inattivo ...


Dati preclinici di sicurezza

I dati preclinici hanno scarsa rilevanza clinica alla luce della vasta esperienza acquisita con l'uso del farmaco nell'uomo.
...


Elenco degli eccipienti

Acido lattico 90%
Sodio lattato 60%
Sodio metabisolfito
Acqua per preparazioni iniettabili.


Farmaci Equivalenti

I farmaci equivalenti di Isoprenalina Cloridrato Salf a base di Isoprenalina Cloridrato sono: Isoprenalina Cloridrato Galenica Senese, Isoprenalina Cloridrato Monico

Farmaci Esteri

Per conoscere i farmaci esteri che corrispondono ad Isoprenalina Cloridrato Salf a base di Isoprenalina Cloridrato

Servizi Avanzati

Digita il Marchio o il Principio
Attivo di 2 o pi¨ prodotti e trova
le interazioni.
Marchio / Principio Attivo 1

Marchio / Principio Attivo 2




Sistema di supporto alla prescrizione
Codifa Regulatory Assistance