Università degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
menu

Influvit

Ultimo aggiornamento: 24/02/2020

Foglietto Illustrativo

Confezioni

Influvit 16 compresse

Cos'è Influvit?

Influvit è un farmaco a base del principio attivo Paracetamolo + Acido Ascorbico + Propifenazone, appartenente alla categoria degli Antipiretici, Analgesici FANS e nello specifico Anilidi. E' commercializzato in Italia dall'azienda Recordati Industria Chimica e Farmaceutica S.p.A..

Influvit può essere prescritto con Ricetta OTC - medicinali non soggetti a prescrizione medica da banco.

Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Recordati Industria Chimica e Farmaceutica S.p.A.
Concessionario: Recordati Industria Chimica e Farmaceutica S.p.A.
Ricetta: OTC - medicinali non soggetti a prescrizione medica da banco
Classe: C
Principio attivo: Paracetamolo + Acido Ascorbico + Propifenazone
Gruppo terapeutico: Antipiretici, Analgesici FANS
Forma farmaceutica: compressa

Indicazioni

Trattamento sintomatico di stati dolorosi acuti (mal di testa, mal di denti, nevralgie, dolori mestruali) e di stati febbrili.

Posologia

Posologia
Adulti
1 compressa 3-4 volte al giorno, salvo diversa prescrizione medica.
Anziani
I pazienti anziani dovrebbero attenersi ai dosaggi minimi sopraindicati.
Popolazione pediatrica
Nei bambini al di sotto dei 12 anni di età il prodotto va somministrato solo dietro prescrizione del medico.
Pazienti con insufficienza epatica
In pazienti con grave compromissione della funzionalità epatica il prodotto non deve essere utilizzato. Il prodotto va utilizzato con cautela nei soggetti con insufficienza epatica lieve o moderata.
Pazienti con insufficienza renale
In pazienti con grave compromissione della funzionalità renale il prodotto non deve essere utilizzato. Il prodotto va utilizzato con cautela nei soggetti con insufficienza renale lieve o moderata.
Non superare le dosi consigliate.
Modo di somministrazione
L'assunzione delle preparazioni analgesiche orali deve avvenire a stomaco pieno.

Controindicazioni

  • Ipersensibilità ai principi attivi o ad altre sostanze strettamente correlate da un punto di vista chimico e/o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1.
  • Pazienti con manifesta insufficienza della glucosio-6-fosfato deidrogenasi.
  • Pazienti affetti da grave anemia emolitica.
  • Storia di emorragia gastrointestinale o perforazione relativa a precedenti trattamenti attivi o storia di emorragia/ulcera peptica ricorrente (due o più episodi distinti di dimostrata ulcerazione o sanguinamento).
  • Severa insufficienza cardiaca.
  • Grave insufficienza epatocellulare e renale.
  • Gravidanza anche presunta e particolarmente nei primi 3 mesi.
  • Allattamento.


Avvertenze speciali e precauzioni di impiego

L'uso di Influvit deve essere evitato in concomitanza di FANS (Farmaci Antinfiammatori Non Steroidei), inclusi gli inibitori selettivi della COX-2 (enzima Cicloossigenasi 2).
Gli effetti indesiderati possono essere minimizzati con ...

Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Interazioni con altri medicinali e altre forme di interazione

Usare con estrema cautela e sotto stretto controllo durante il trattamento cronico con farmaci che possono determinare l'induzione delle monossigenasi epatiche o in caso di esposizione a sostanze che possono ...

Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Interazioni riportate su letteratura scientifica internazionale
Prima di prendere "Influvit" insieme ad altri farmaci come “Cormeto”, etc.., chiedi al tuo al tuo medico o farmacista di fiducia di verificare che sia sicuro e non dannoso per la tua salute ...

Assumere Influvit durante la gravidanza e l'allattamento

Posso prendere Influvit durante la gravidanza e l'allattamento?
Influvit è controindicato in caso di gravidanza anche presunta e particolarmente nei primi 3 mesi e durante l'allattamento.
L'inibizione della sintesi di prostaglandine può interessare negativamente la gravidanza e/o lo ...

Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari

A causa della possibile insorgenza di vertigini, il prodotto può compromettere la capacità di guidare veicoli o di usare macchinari.


Effetti indesiderati

Con l'uso di paracetamolo sono stati segnalati effetti indesiderati generalmente rari e lievi.
Alterazioni del sangue e sistema linfatico: trombocitopenia, leucopenia, anemia, agranulocitosi, neutropenia.
Alterazioni del sistema immunitario: sono state ...

Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Sovradosaggio

In caso di sovradosaggio, il paracetamolo può provocare citolisi epatica, che può evolvere verso la necrosi massiva ed irreversibile.
A carico del rene, si può inoltre sviluppare insufficienza renale acuta con necrosi tubulare acuta anche in assenza di grave danno epatico.
I sintomi da sovradosaggio da paracetamolo, che appaiono entro le prime 24 ore, sono pallore, nausea, vomito, anoressia, dolori addominali. Il danno epatico può apparire da 12 a 48 ore dopo l'ingestione del prodotto. In casi di avvelenamento grave, la compromissione epatica può progredire fino all'encefalopatia, coma e anche morte. Si possono verificare anomalie del metabolismo del glucosio e acidosi. Sono stati riportati anche casi di anomalie miocardiche e pancreatite.
A parità di sovradosaggio, il rischio di tossicità grave sembra essere minore nei bambini rispetto agli adulti; tuttavia, l'uso cronico nei bambini di dosi superiori a quelle terapeutiche ha determinato sovradosaggi non intenzionali e grave epatotossicità.
In caso di intossicazione acuta da paracetamolo, un trattamento rapido è essenziale. Oltre alle comuni misure di emergenza (lavanda gastrica) si consiglia l'utilizzo di carbone attivo entro un'ora dall'avvelenamento e di N-acetilcisteina (antidoto specifico) entro 12-16 ore dall'avvelenamento; l'effetto massimo viene ottenuto somministrando N-acetilcisteina entro 8 ore.
Il sovradosaggio di acido ascorbico può dare luogo a diarrea ed altri disturbi gastrointestinali; può determinare iperossaluria e formazione di calcoli renali di ossalato di calcio e, in pazienti con deficit di G6PD, si sono osservati casi di emolisi.


Proprietà farmacodinamiche

Categoria farmacoterapeutica: analgesici ed antipiretici; paracetamolo, associazioni esclusi gli psicolettici.
Codice ATC: N02BE51.
Influvit è una specialità farmaceutica a base di paracetamolo, propifenazone e acido ascorbico, classificata tra i farmaci ...


Proprietà farmacocinetiche

Paracetamolo
Assorbimento
Il paracetamolo viene assorbito in maniera rapida e pressoché completa a livello gastrointestinale (95-98%).
Distribuzione
Il paracetamolo si distribuisce rapidamente nei liquidi organici supera la barriera ematoencefalica, raggiungendo ...


Dati preclinici di sicurezza

DL50 orale: paracetamolo 2400 mg/kg (ratto); propifenazone 860 mg/kg (topo).
DL50 i.v.: ac. ascorbico = 518 mg/kg (topo).
Per il paracetamolo non sono disponibili studi convenzionali che utilizzino gli standard ...


Elenco degli eccipienti

Cellulosa microcristallina
Amido di mais
Povidone
Carbossimetilamido sodico A
Silice precipitata
Magnesio stearato
Olio vegetale idrogenato
Talco
Ipromellosa
E 110 lacca
Titanio diossido
Macrogol 800.


Farmaci Equivalenti

I farmaci equivalenti di Influvit a base di Paracetamolo + Acido Ascorbico + Propifenazone sono:

Farmaci Esteri

Per conoscere i farmaci esteri che corrispondono ad Influvit a base di Paracetamolo + Acido Ascorbico + Propifenazone

Servizi Avanzati

Digita il Marchio o il Principio
Attivo di 2 o più prodotti e trova
le interazioni.
Marchio / Principio Attivo 1

Marchio / Principio Attivo 2




Sistema di supporto alla prescrizione
Codifa Regulatory Assistance