Università degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu
menu

Idelt

Ultimo aggiornamento: 22/07/2020

Area RiservataFoglietto Illustrativo Dica33

Indice


Confezioni

Idelt 10 mg 20 compresse
Idelt 2,5 mg 20 compresse
Idelt 20 mg 20 compresse
Idelt 5 mg 20 compresse

Cos'è Idelt?

Idelt è un farmaco a base del principio attivo Prednisolone, appartenente alla categoria degli Corticosteroidi e nello specifico Glicocorticoidi. E' commercializzato in Italia dall'azienda Bruno Farmaceutici S.p.A..

Idelt può essere prescritto con Ricetta RR - medicinali soggetti a prescrizione medica.

Informazioni commerciali sulla prescrizione

Titolare: Bruno Farmaceutici S.p.A.
Concessionario: Bruno Farmaceutici S.p.A.
Ricetta: RR - medicinali soggetti a prescrizione medica
Classe: A
Principio attivo: Prednisolone
Gruppo terapeutico: Corticosteroidi
Forma farmaceutica: compressa

Indicazioni

Prednisolone è indicato per il trattamento di condizioni per le quali vengono richiesti gli effetti antinfiammatori ed immunosoppressivi del prednisolone. Esempi sono l'artrite reumatoide, il lupus eritematoso sistemico (LES), alcune vasculiti quali l'arterite temporale e la poliarterite nodosa, sarcoidosi, asma bronchiale, la colite ulcerosa, anemia emolitica e granulocitopenia e gravi condizioni allergiche.
Idelt è indicato per il trattamento dei tumori (per alcuni casi di leucemia acuta, linfoma, tumore della mammella e tumore della prostata).

Posologia

La dose da somministrare può variare in funzione della malattia, della sua gravità e della risposta clinica ottenuta. Deve essere usato il dosaggio più basso in grado di produrre un risultato accettabile. I seguenti schemi posologici sono forniti solo in via indicativa.
In generale, somministrare 10-30 mg al giorno per un periodo compreso tra una e tre settimane. In condizioni gravi e acute, possono essere somministrati 50-60 mg o più per alcuni giorni. Generalmente il dosaggio viene suddiviso in più somministrazioni.
Una volta ottenuta la risposta prevista, la dose deve essere ridotta gradualmente fino a raggiungere il dosaggio più basso che permetta di mantenere un'adeguata risposta clinica. La dose giornaliera deve essere diminuita di 2,5 – 5 mg ogni 2-5 giorni (più velocemente nei dosaggi più elevati) e la dose giornaliera di mantenimento non deve superare i 10 mg al giorno.
Se la dose di mantenimento giornaliera viene somministrata al mattino (8 del mattino), prednisolone seguirà il ciclo giornaliero naturale della corteccia surrenale e ciò comporterà una minima soppressione della corteccia surrenale stessa. Questa strategia può essere testata all'inizio. In molti casi sarà da preferire una dose da somministrare nella tarda serata o una dose suddivisa (ad es. in caso di pazienti reumatici senza rigidità articolare mattutina e in pazienti asmatici per i quali è necessaria una protezione corticosteroidea durante la notte).
In alcuni casi di asma, condizioni allergiche, dermatosi, ecc., il paziente può ottenere beneficio della somministrazione di una dose giornaliera doppia, con la quale però il prednisolone viene somministrato solamente ogni due giorni, al mattino.
La terapia deve essere ridotta gradatamente, specialmente dopo la somministrazioni di dosi elevate, poichè la secrezione endogena di ACTH e cortisolo può risultare ridotta dopo trattamento a lungo termine.
Precedentemente o nel corso di situazioni di stress può essere somministrata una dose superiore.
In caso di febbre e stress, può essere richiesto un aumento della dose.
I pazienti diabetici trattati con prednisolone devono ricevere dosi maggiori di insulina.
Artrite reumatoide: da 7,5 a 10 mg al giorno. Per la terapia di mantenimento deve essere usato il dosaggio efficace più basso.

Controindicazioni

  • Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1.
  • Infezione sistemica, tranne nel caso in cui sia in atto una specifica terapia anti-infettiva.
  • Ulcera ventricolare o duodenale.
  • Vaccini contenenti virus vivi, attenuati o batteri non devono essere somministrati a pazienti in terapia con elevate dosi di corticosteroidi per immunodeficienza indotta dal trattamento.
In generale le controindicazioni non si applicano in quei casi in cui l'uso di glucocorticoidi può rivelarsi essenziale per la sopravvivenza del paziente.


Avvertenze speciali e precauzioni di impiego

La soppressione dell'asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA) ed altri effetti indesiderati possono essere minimizzati usando la dose minima efficace per il periodo minimo, e somministrando il fabbisogno giornaliero richiesto in una singola ...

Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Interazioni con altri medicinali e altre forme di interazione

Le seguenti associazioni con prednisolone possono richiedere un aggiustamento della dose:
Fenobarbitale, fenitoina, carbamazepina: Fenobarbitale (che è un metabolita del primidone), fenitoina e carbamazepina somministrati separatamente o in associazione, inducono ...

Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Interazioni riportate su letteratura scientifica internazionale
Prima di prendere "Idelt" insieme ad altri farmaci come “Aloneb”, “Lobidiur”, “Nebivololo e Idroclorotiazide Accord”, “Nebivololo e Idroclorotiazide Doc Generici”, “Nebivololo e Idroclorotiazide EG”, “Nebivololo e Idroclorotiazide Mylan Pharma”, “Nebivololo e Idroclorotiazide Mylan”, “Nebivololo e Idroclorotiazide Sandoz”, “Nebivololo e Idroclorotiazide Teva Italia”, “Nobizide”, “Zelboraf”, etc.., chiedi al tuo al tuo medico o farmacista di fiducia di verificare che sia sicuro e non dannoso per la tua salute ...

Assumere Idelt durante la gravidanza e l'allattamento

Posso prendere Idelt durante la gravidanza e l'allattamento?
Fertilità:
Negli studi sugli animali i corticosteroidi hanno dimostrato di ridurre la fertilità (vedere paragrafo 5.3).
Gravidanza
La somministrazione di corticosteroidi ad animali in stato di gravidanza può causare ...

Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari

Idelt non influenza o influenza in maniera trascurabile la capacità di guidare veicoli o di usare macchinari. L'effetto dei corticosteroidi sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari non è stato studiato sistematicamente.
Effetti collaterali come vertigini, disturbi visivi e affaticamento sono possibili in seguito al trattamento con corticosteroidi. In presenza di tali effetti collaterali, il paziente non deve guidare veicoli o usare macchinari.


Effetti indesiderati

Tranne nel caso della terapia sostitutiva, il trattamento con corticosteroidi implica sempre un sovradosaggio rispetto allo stato fisiologico. Gli effetti collaterali si verificano principalmente durante i trattamenti a lungo termine, ...

Vedi la Scheda Tecnica del farmaco - RCP - completa: accedi al sito www.codifa.it

Sovradosaggio

Tossicità e sintomi: La tossicità acuta, anche a dosi massive di prednisolone, non causa generalmente alcun problema clinico.
Un possibile sovradosaggio acuto può aggravare condizioni mediche pre-esistenti, come ulcere, squilibri elettrolitici, infezione ed edema.
Trattamento: In generale non necessario. Se motivato, si ricorre alla lavanda gastrica e al carbone vegetale. Trattamento sintomatico.


Proprietà farmacodinamiche

Categoria farmacoterapeutica: corticosteroidi per uso sistemico, codice ATC: H02AB06
Glucocorticoide sintetico con effetti antinfiammatori, immunosoppressivi ed antiallergici.
Prednisolone possiede effetti antinfiammatori 4-5 volte più potenti del cortisone, ma influenza in ...


Proprietà farmacocinetiche

La biodisponibilità assoluta del prednisolone è superiore all'85% in seguito a somministrazione orale di una dose singola di 10 mg rispetto alla somministrazione per via endovenosa. La massima concentrazione plasmatica ...


Dati preclinici di sicurezza

Negli studi sugli animali i corticosteroidi hanno mostrato vari tipi di malformazione (palatoschisi, malformazioni scheletriche). Dopo trattamento a lungo termine negli animali sono stati osservati riduzione del peso della placenta ...


Elenco degli eccipienti

Lattosio monoidrato
Amido di patata
Gelatina
Talco
Magnesio stearato


Farmaci Equivalenti

I farmaci equivalenti di Idelt a base di Prednisolone sono:

Farmaci Esteri

Per conoscere i farmaci esteri che corrispondono ad Idelt a base di Prednisolone ...

Servizi Avanzati

Digita il Marchio o il Principio
Attivo di 2 o più prodotti e trova
le interazioni.
Marchio / Principio Attivo 1

Marchio / Principio Attivo 2




Cerca
Sistema di supporto alla prescrizione
Codifa Regulatory Assistance