UniversitÓ degli Studi di Milano Federazione Ordini Farmacisti Italiani
banda blu

Diamond V Xpc/Ls

Ultimo aggiornamento: 20/08/2019




Informazioni commerciali



Confezioni

Diamond V Xpc/Ls os sfarinato 25 kg


Formulazione

1 kg = vit. B1 tiamina 4,30 mg, vit. B2 riboflavina 1,20 mg, vit. B5 acido pantotenico 5,30 mg, vit. B6 piridossina 0,90 mg, vit. B9 acido folico, vit. B12 cobalamina 0,01 mg, vit. A retinolo 1672 UI, vit. E tocoferolo 6 UI, vit. H biotina 0,02 mg, vit. PP niacina 13,20 mg, colina 232,90 mg, beta carotene 460.50 mg, calcio 0,100%, fosforo 0,120%, magnesio 0,800%, potassio 0,740%, zolfo 0,390%, sodio 0,002%, manganese 13 mg, ferro 181,50 mg, rame 6,50 mg, zinco 10,40 mg, cobalto 0,12 mg, selenio 0,06 mg, lisina 0,70%, metionina 0,30%, cistina 0,48%, triptofano 0,20%, treonina 0,58%, isoleucina 0,52%, leucina 0,98%, fenilalanina 0,67%, arginina 0,74%, istidina 0,45%, valina 0,83%, tirosina 0,55%, glicina 0,71%; componenti: buccette di soia, segale, frumento, melasso di canna.

Indicazioni

funzione prebiotica; migliora il metabolismo gastrointestinale.

Posologia

bovine da latte: vitelle pre-svezzamento: 3,5 g/capo/gg; vitelle post-svezzamento: 7 g/capo/gg; vacche in asciutta: 14 g/capo/gg; vacche in lattazione 14 g/capo/gg; bovine da ingrasso: starter/ristallo; 14 g/capo/gg; accrescimento e finissaggio: 7 g/capo/gg; ovini e caprini: agnelli/capretti: 2 g/capo/gg; animali adulti: 3,5 g/capo/gg; equini: puledri: 3,5 g/capo/gg; fattrici, stalloni e animali da lavoro: 7 g/capo/g; animali da concorso e agonisti: 14 g/capo/gg; struzzi: riproduttori/svezzamento: 7 g/capo/gg; mantenimento: 3,5 g/capo/gg; suini: sottoscrofa 1░ e 2░ periodo: 0,200%, ingrasso/finissaggio: 0,100%, scrofe gestazione e lattazione: 0,200%; avicoli e tacchini: starter e 1░ periodo: 0,125%; riproduttori 0,075%, ovaiole 8-25 settimane: 0,075%; ovaiole 26 settimane-fine deposizione e muta: 0,025%; polli e tacchini in accrescimento: 0,075%; altre specie: pesci: 0,125%; conigli e animali da pelliccia: 0,125%; Pet Food 0,125%. Le dosi riportate devono essere intese come valori medi normali e si deve tener conto della taglia dei soggetti, del loro stato di salute e della situazione generale di allevamento. In caso di forte stress, Ŕ possibile aumentare le dosi fino a valori doppi di quelli normali.